Centro distribuzione alimenti

Il nostro impegno su questo fronte è cominciato nel 2005 grazie all’intuizione di Madre Antonietta e alla collaborazione con i servizi sociali del comune. Fu infatti l’assistente sociale a segnalare le prime 5 famiglie che, vivendo in una condizione disagiata, necessitavano di un sostegno alimentare.
Nel corso degli anni si è iniziato a lavorare affinchè la Caritas divenisse autonoma rispetto l’Amministrazione Comunale (con cui continua una collaborazione, su altri fronti): a partire dal 2011 è possibile accedere alla distribuzione alimenti esclusivamente previo colloquio con gli operatori del centro di ascolto: è in quella sede che vengono ascoltati e valutati le diverse situazioni e bisogni e in cui si concordano gli eventuali aiuti (tra cui quello alimentare).

SEDE
Attualmente il centro di distribuzione si trova nei locali parrocchiali dietro la basilica (sede inaugurata nel giugno 2011 alla presenza del Sindaco, della direttrice della Caritas Diocesana e del presidente dell’Assemblea Regionale), in attesa di trasferirsi negli spazi del nuovo Centro Caritas attualmente messi a disposizione per la catechesi.

COLLABORAZIONI
Gli alimenti (e altri prodotti) distribuiti alle varie famiglie vengono raccolti tramite diversi canali:

  • BANCO ALIMENTARE: fondazione ONLUS che recupera eccedenze alimentari e le ridistribuisce gratuitamente ad associazioni ed enti caritativi (in regione gestisce due centri di distribuzione, Imola e Parma – noi accediamo a quest’ultimo), anche grazie all’aiuto di tante persone che decidono di donare prodotti (ad esempio tramite le collette alimentari)
  • COOP ESTENSE e COOP ADRIATICA grazie al progetto “Brutti ma Buoni”: quotidianamente i supermercati provvedono a ritirare dalla vendita beni alimentari e non (perché prossimi alla scadenza o con piccole imperfezioni estetiche, ma ancora buoni e perfettamente commestibili o utilizzabili) da destinare ai soggetti del territorio che operano a favore dei più bisognosi.
  • VILLAPALLAVICINI (Bologna): “piattaforma agro alimentare” a cui vengono conferiti prodotti ortofrutticoli (eccedenza agricole) distribuiti poi a persone e famiglie indigenti (oltre che alla casa circondariale Dozza, Bologna) tramite la Caritas e altre associazioni caritative (progetto finanziato dall’Unione Europea)
  • ANGOLO DELLA SOLIDARIETÀ allestito in Basilica in cui poter lasciare prodotti alimentari e non che vengono poi distribuiti alle famiglie seguite da Caritas-Solidarietà in rete
Inoltre collaboriamo anche con altre Caritas parrocchiali (Brodano, Santa Teresa e Albareto in particolare) e altri soggetti (ad es. Agape di Mamma Nina) con cui condividiamo prodotti in eccedenza troppo vicini alla scadenza che si faticherebbe a distribuire interamente alle famiglie del nostro territorio.

© 2014 Solidarietà in rete. All Rights Reserved.