L'Associazione Solidarietà in rete

Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d'oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla Vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore. […] Perciò la comunità dei cristiani si sente realmente e intimamente solidale con il genere umano e con la sua storia
(Gaudium et Spes, 1)
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali
(Costituzione Italiana, art.3)

Solidarietà in Rete è nata nel 2009, in concomitanza con la crisi economica, che ha colpito soprattutto i ceti meno abbienti e più poveri, ma che è andata a modificare anche lo stile di vita di famiglie e singoli che fino ad allora vivevano in modo dignitoso. La perdita del lavoro è stata (ed è tutt’ora) la prima e peggiore conseguenza della crisi che va ad incidere sui più elementari bisogni delle famiglie: la casa, gli alimenti, le necessità quotidiane.
A fronte di questa situazione la Parrocchia, attraverso la Caritas, guidata dalla consapevolezza che l’essere cristiani ci impone una fraterna condivisione con le persone in difficoltà, ha voluto promuovere delle iniziative tese ad andare in aiuto a quelle situazioni che altrimenti non avrebbero retto un momento di crisi così profonda.
Oltre al già importante lavoro che la Caritas parrocchiale svolgeva nei confronti delle famiglie, si è pensato di partire con altri due progetti:

  • un centro di ascolto (punto di riferimento di tutta l’organizzazione degli interventi, al quale devono accedere tutte le persone che richiedono un aiuto all’Associazione)
  • la creazione di un fondo per l’aiuto economico, attraverso micro-crediti (istituito grazie a risorse parrocchiali e sostenuto da donazioni di cittadini)
Da allora l’Associazione ha costruito un percorso, insieme alla Caritas parrocchiale, che ha portato ad aprire anche un centro di distribuzione di indumenti e una scuola di socializzazione rivolta alle donne straniere (momenti di condivisione sulle varie esperienze culturali, sulle necessità quotidiane di ognuna di loro apprendendo in questo modo la conoscenza della nostra lingua). Oltre a queste esperienze l’Associazione propone ai cittadini momenti di formazione e informazione su tematiche economiche, di giustizia e di integrazione sociale in modo da diffondere sempre più modelli di legalità e stili di vita più sobri.

Dallo statuto

L’Associazione, ispirandosi ai principi della solidarietà umana, si prefigge i seguenti scopi

  • SENSIBILIZZARE, INCORAGGIARE, STIMOLARE, la collettività verso una carità di attenzione al prossimo
  • L'INTEGRAZIONE delle persone residenti, a vario titolo, nel territorio a prescindere dalla loro provenienza e dalla loro posizione sociale, culturale ed economica
  • LA FORMAZIONE COSTANTE delle persone, che si impegnano nell’associazione
  • LA FORMAZIONE delle persone sui temi della solidarietà, della integrazione, dell’inclusione sociale, nonché sulle tematiche dell’impegno sociale e politico, inteso come servizio alla nostra comunità
  • PORRE IN ESSERE L’ASCOLTO DEL PROSSIMO attraverso la disponibilità alla condivisione dei problemi, (solo attraverso l’ascolto dell’altro si può serenamente conoscere ciò di cui questo ha realmente bisogno)
  • PROMUOVERE E COORDINARE la propria attività con altre associazione similari presenti sul territorio, nella consapevolezza ed umiltà, che non tutte le problematiche portate a conoscenza dell’associazione possono essere risolte dalla stessa
  • INTERVENIRE CONCRETAMENTE PER LE SOLUZIONI DELLE PROBLEMATICHE ECONOMICHE E SOCIALI PORTATE A CONOSCENZA DELL’ASSOCIAZIONE, non attraverso il mero assistenzialismo, ma fornendo mezzi e strumenti adeguati, affinché l’individuo recuperi la propria dignità ed autosufficienza anche nella consapevolezza dei propri diritti fondamentali

L’associazione, insieme alla Caritas parrocchiale, porta avanti diversi progetti e servizi:

  • centro di ascolto
  • centro di distribuzione alimenti
  • fondo di solidarietà
  • centro vestiti
  • scuola di Anna
  • organizzazione di momenti e incontri di sensibilizzazione e formazione
  • collaborazione con Amministrazione Comunale
  • collaborazione con Scuola
  • collaborazione con associazione Assalam

Composizione consiglio direttivo

Socio Posizione ricoperta
Brighetti Augusto Presidente
Colombini Fabrizio Vicepresidente – membro commissione fondo
Cavani Giuseppe Segretario
Tisi Alfredo Tesoriere – membro commissione fondo
Cavani Sara Responsabile Centro di ascolto
Zanoli Marisa Responsabile Centro di distribuzione
Cavani Giovanni Membro commissione fondo

© 2014 Solidarietà in rete. All Rights Reserved.